Volkswagen sponsor dell'Arena di Verona
Volkswagen sponsor dell'Arena di Verona
Foto Volkswagen sponsor dell'Arena di Verona »
Volkswagen Group Italia in scena all’Arena di Verona Rinnovata anche per il 2012 la sponsorship del Festival lirico In occasione della 90esima edizione del Festival areniano, Volkswagen Group Italia rinnova il suo impegno in qualità di sponsor ufficiale, contribuendo a promuovere la diffusione della cultura operistica. L’opera racchiude in sé le più alte rappresentazioni dell’arte quali la musica, il canto, il teatro e si rivolge a un pubblico molto diversificato, ma sicuramente attento ed esigente. Allo stesso modo la Società veronese, attraverso le Marche che rappresenta e l’ampia gamma di modelli offerti, riassume nell’auto la tecnologia più avanzata, la sicurezza e il comfort: tutte caratteristiche in grado di soddisfare molteplici esigenze e di garantire a ognuno la soluzione di mobilità preferita. Attraverso la consolidata collaborazione con la Fondazione Arena, l’Azienda ripropone il suo sostegno agli eventi culturali e alle iniziative locali, dando prova ancora una volta di un forte legame con Verona, città che ospita la sede di Volkswagen Group Italia da oltre 35 anni. Per la stagione 2012, in programma dal 22 giugno fino al 2 settembre, sei grandi opere andranno in scena nel celebre anfiteatro scaligero. A dare il via alla prestigiosa rassegna lirica sarà il nuovo allestimento del Don Giovanni di W.A. Mozart, seguito da Aida di G. Verdi, proposta in una rievocazione storica del 1913, Carmen di G. Bizet, Roméo et Juliette di C. Gounod, opera veronese per eccellenza, e le pucciniane Turandot e Tosca. “Il Festival lirico areniano rappresenta un evento internazionale di elevata portata culturale e sociale e avvicina alla città scaligera migliaia di persone che condividono la stessa passione. Un appuntamento al quale Volkswagen Group Italia, impegnata nel promuovere attività di aggregazione, non poteva certamente mancare”, ha dichiarato Giuseppe Tartaglione – Presidente dell’Azienda veronese. Verona, 8 giugno 2012