Volkswagen Golf R
Foto Volkswagen Golf R »
La Volkswagen inizia il 2014 con una delle vetture compatte più sportive al mondo: la nuova Golf R. La quarta generazione della Golf più prestazionale monta un motore TSI turbo benzina a iniezione diretta di nuova costruzione, con 300 CV di potenza. La nuova 4 cilindri vanta così 30 CV in più, risultando nel contempo fino al 18% più parca nei consumi rispetto alla generazione precedente. Come già sui tre precedenti modelli, anche qui ritroviamo la trazione integrale permanente 4Motion che impiega una frizione Haldex di quinta generazione. Contribuiscono alla dinamica della nuova Golf R telaio sportivo di nuova concezione (abbassato di 20 mm), nuovo sterzo progressivo ed ESC Sport, per la prima volta completamente disattivabile per la guida su circuito. Tra i principali equipaggiamenti disponibili a richiesta spiccano la versione perfezionata della regolazione adattiva dell’assetto DCC e la selezione del profilo di guida con nuova modalità Race. Se la versione con cambio manuale raggiunge i 100 km/h in soli 5,1 secondi (Golf R precedente in 5,7 secondi) quella con cambio a doppia frizione DSG non è da meno, impiegando addirittura 4,9. La velocità massima è limitata elettronicamente a 250 km/h. Nonostante prestazioni su strada eccezionali e 30 CV in più di potenza, i consumi della Golf R vantano una riduzione più che rilevante passando da 8,5 l/100 km della “R” precedente a soli 7,1 l/100 km. Anche le emissioni di CO2 risultano ora inferiori essendo passate da 199 a 165 g/km. La Golf R, dotata di serie dei sistemi start/stop e di recupero dell’energia, risulta ancora più parca nella versione con cambio a doppia frizione DSG a 6 rapporti. In questo caso il consumo medio risulta di 6,9 l/100 km (a fronte di emissioni di CO2 di 159 g/km). Rispetto alla precedente con DSG (8,4 l/100 km) si ottiene un risparmio di 1,5 l/100 km, equivalente a una riduzione dei consumi del 18%. Entrambe le versioni della vettura soddisfano i valori limite previsti per la classe Euro 6. La nuova Golf R vanta tutta una serie di dotazioni personalizzate ed esclusive. Oltre a paraurti, listelli sottoporta e cerchi in lega leggera da 18 pollici (con pneumatici 225/40) specifici per il modello, sono dettagli come i fari bixeno di serie con nuove luci diurne a LED (a forma di doppia U), i gruppi ottici posteriori a LED di colore rosso scuro o l’impianto di scarico con due terminali a doppia uscita cromata a fare della Golf R la regina delle auto sportive, anche dal punto di vista estetico. Nell’abitacolo della versione di punta della gamma Golf si ritrovano sedili sportivi con rivestimenti in un sapiente accostamento di tessuto e Alcantara, volante sportivo a tre razze rivestito in pelle, illuminazione ambiente, climatizzatore automatico e sistema radio-CD con touchscreen. Motore TSI Motore turbo high-tech. La Golf R e la nuova Golf GTI sono accomunate da un motore rielaborato della serie EA888. Rispetto al precedente sono stati modificati numerosi dettagli tecnici, con l’obiettivo di ridurre consumi ed emissioni, aumentando nel contempo potenza e coppia. Il motore presenta, per esempio, una testa cilindri a quattro valvole di nuova concezione. Rispetto ai 230 CV della Golf GTI Performance, la Volkswagen ha migliorato le prestazioni della Golf R di ulteriori 70 CV, raggiungendo i 300 CV (portando il regime massimo da 5.500 fino a 6.200 giri), dando così vita a una delle motorizzazioni 4 cilindri più potenti al mondo. La coppia massima è stata aumentata di 30 Nm, raggiungendo quindi i 380 Nm a un regime davvero notevole, compreso tra 1.800 e 5.500 giri. Per poter garantire questi valori, il TSI 1.984 cm3 di cilindrata è stato oggetto di un programma di sviluppo degno delle competizioni automobilistiche. Rispetto al motore GTI, già estremamente agile, i seguenti componenti risultano modificati o di nuova concezione: testata (comprese valvole di scarico, guarnizioni delle sedi valvole e molle delle valvole), pistoni, ugelli e valvole di iniezione ad alta pressione e turbocompressore. Efficiente sistema di gestione termica. Il motore turbo benzina a iniezione diretta della serie EA888 si distingue per innovative soluzioni di dettaglio, quali il collettore di scarico verso il turbocompressore con raffreddamento ad acqua integrato nella testata (per ridurre efficacemente il consumo a pieno “carico”) e il sistema di iniezione doppio, con iniezione diretta e indiretta. Grazie a un nuovo sistema di controllo completamente elettronico del liquido refrigerante, il TSI della Golf R dispone di una gestione termica molto più efficiente e con una fase di riscaldamento più rapida, consentendo quindi di ridurre perdite per attrito e consumi. Il TSI dispone inoltre di un dispositivo di fasatura variabile delle valvole con doppia regolazione dell’albero a camme. Sul lato di scarico, la corsa della valvola prevede inoltre un doppio stadio di attivazione. Grazie a questa soluzione, il ricambio dell’alimentazione dei cilindri può essere comandato in modo ottimale per quanto riguarda prestazioni, consumi ed emissioni di gas di scarico. Trazione integrale 4Motion Frizione Haldex di quinta generazione. La Golf R è da sempre sinonimo di trazione integrale permanente 4Motion, e per il nuovo modello ne viene adottata l’ultima generazione. La trazione integrale è abbinata a un cambio manuale a 6 marce con frizione rinforzata e riduzione delle corse di innesto. Come equipaggiamento a richiesta è inoltre disponibile un cambio a doppia frizione DSG a 6 rapporti, dotato anche di modalità di innesto manuale. La trazione integrale 4Motion, perfezionata tra l’altro attraverso l’adozione di una frizione Haldex 5, è attiva già prima che si verifichi lo slittamento degli pneumatici. In questo modo è possibile escludere in modo pressoché totale eventuali perdite di trazione. Il sistema prevede una preattivazione in funzione delle condizioni di marcia. In caso di carico ridotto o in fase di rilascio, la trazione è affidata principalmente all’asse anteriore, mentre quello posteriore risulta disaccoppiato. Questa impostazione base si inserisce nell’ottica della massima economia dei consumi. In caso di necessità però l’asse posteriore della Golf R viene attivato automaticamente in modo pressoché impercettibile nell’arco di qualche frazione di secondo tramite la frizione Haldex, azionata da una pompa dell’olio elettroidraulica. Ripartizione della trazione in funzione della situazione di marcia. Una centralina calcola in modo continuo la quantità di coppia da inviare all’asse posteriore, che viene trasferita attivando la pompa dell’olio che agisce sulla frizione a lamelle. Durante tale fase, la pressione sulle lamelle della frizione aumenta proporzionalmente alla coppia desiderata per l’asse posteriore: il livello della pressione esercitata sulle lamelle della frizione consente così di variare in modo continuo la coppia trasmissibile. Anche in caso di partenza rapida o di accelerazione, è possibile impedire totalmente lo slittamento delle ruote della Golf R 300 CV: la centralina provvede infatti a regolare la ripartizione della coppia in base ai carichi dinamici sugli assi. L’attivazione della frizione Haldex 5 avviene sostanzialmente in funzione della coppia motore richiesta dal guidatore. Parallelamente, la centralina del sistema di trazione integrale riconosce le condizioni di marcia del veicolo, analizzando determinati parametri, come il numero di giri delle ruote e l’angolo di sterzata. In caso di necessità, è possibile trasferire fino al 100% della coppia di trazione sull’asse posteriore. Bloccaggi elettronici dei differenziali EDS per tutte le ruote. Parallelamente al bloccaggio longitudinale cui provvede la frizione Haldex, i bloccaggi elettronici dei differenziali EDS, integrati nel programma di controllo elettronico della stabilizzazione, assolvono alla funzione di bloccaggio trasversale. Così, in caso di slittamento di una ruota, questa viene frenata in modo mirato e la forza motrice trasferita alla rispettiva ruota opposta. Sulla Golf R sono previsti bloccaggi elettronici del differenziale su entrambi gli assi, dando vita al cosiddetto sistema EDS per tutte le ruote. XDS per un preciso mantenimento della corsia in curva. La nuova Golf R è inoltre dotata della funzione supplementare XDS per l’asse anteriore e posteriore, che lavora sulle ruote “scariche” interne alla curva, con interventi mirati sui freni ottimizzando la trazione. Nella nuova versione XDS+, questa funzione può essere utilizzata in un numero ancora maggiore di situazioni dinamiche, rendendo così la vettura più agile anche quando non accelera. Tecnicamente l’XDS rappresenta un’estensione funzionale del differenziale a bloccaggio elettronico. Non appena il sistema elettronico rileva una velocità eccessiva di una delle ruote interne alla curva (quelle più scariche), l’idraulica del controllo elettronico della stabilizzazione (ESC) genera su tale ruota un’adeguata pressione frenante, al fine di ripristinare l’aderenza e, quindi, la trazione ottimale. L’XDS+ funge così da differenziale a bloccaggio trasversale, che consente di compensare il sottosterzo nella marcia in curva a velocità elevata. ESC Sport. La nuova Golf R è dotata di serie della funzione ESC Sport. Il sistema viene gestito da un interruttore a due stadi posizionato nella consolle centrale. Premendo brevemente una volta il tasto, il controllo elettronico della stabilizzazione (ESC) attiva la modalità ESC Sport. In caso di guida a velocità elevata e su percorsi ricchi di curve, come accade sui circuiti, l’ESC entra in funzione in ritardo per garantire alla vettura caratteristiche di guidabilità e agilità più sportive. Tenendo premuto il tasto ESC per più di tre secondi, il sistema viene completamente disattivato per l’impiego professionale su circuito. Questa opzione è disponibile unicamente sulla Golf R e su nessun altro modello della gamma. Assetto sportivo Sintesi di sportività e comfort. La Golf R vanta un assetto sportivo progettato appositamente per questa 300 CV a trazione integrale, con telaio abbassato di 20 mm rispetto alla versione base della gamma Golf. La carrozzeria della Golf R risulta quindi di 5 mm ancora più bassa rispetto alla GTI. Sulla Golf R è montato un asse anteriore con sospensioni di tipo McPherson con bracci trasversali triangolari inferiori, molle elicoidali e ammortizzatori telescopici, che ottimizzano le caratteristiche di sterzata e maneggevolezza oltre che di risposta alle vibrazioni del nuovo modello. L’asse posteriore con sospensioni multilink della Golf R a trazione integrale è stato perfezionato sotto molteplici punti di vista. La Volkswagen è riuscita tra l’altro a migliorare la rigidità trasversale di questo asse modulare multilink necessaria per il comportamento di guida, grazie a una nuova messa a punto dei supporti della barra di accoppiamento. Dinamica. Nel definire l’assetto base della nuova Golf R i progettisti hanno puntato su una taratura che fosse in grado di regalare grande piacere di guida garantendo nel contempo ottima stabilità di marcia ed elevato comfort sulle lunghe percorrenze. Rispetto al modello precedente, anche il comportamento di guida risulta più agile, grazie allo sterzo progressivo diretto. È cresciuta inoltre decisamente anche la velocità massima raggiungibile in curva, grazie alla taratura più neutra dell’assetto che consente così di evitare il sottosterzo fino a situazioni limite. La nuova modalità di intervento della trazione integrale risulta determinante per un comportamento di marcia più neutro. I tempi di risposta della frizione Haldex sono stati infatti ridotti al minimo, mentre la coppia di trazione si adatta in modo ottimale alla situazione di marcia per garantire la massima neutralità dello sterzo anche sotto carico. Ne consegue un comportamento di guida in curva più omogeneo e preciso. Nell’intento di ottenere un grip meccanico ottimale, molle e barre antirollio presentano una rigidità volutamente moderata. Grazie alla straordinaria precisione della mappatura degli ammortizzatori, la nuova Golf R segue perfettamente la traiettoria impostata dal guidatore, regalando così massimo controllo della vettura anche nelle situazioni più estreme. Il comportamento di marcia neutro in curva si accompagna a un’ottima stabilità grazie alla progettazione innovativa di tutti i componenti dell’assetto. Una stabilità eccezionale, evidente soprattutto in caso di cambio di corsia o di variazione del carico. Il team di progettazione ha prestato particolare attenzione alla taratura della nuova Golf R, cercando di ottenere reazioni armoniche e prevedibili del telaio. Comfort di marcia. Parallelamente al comportamento dinamico, anche il comfort delle sospensioni è stato perfezionato rispetto al modello precedente. Le eventuali asperità del fondo stradale vengono armonicamente assorbite dalle sospensioni nell’intero range di velocità. Grazie agli innumerevoli punti di forza precedentemente descritti, (come per esempio comportamento di guida neutro, diretto e stabile unito a un elevato comfort di marcia) l’assetto della Golf R vanta dunque un eccezionale bilancio tra dinamica senza compromessi e comfort ideale anche sulle lunghe percorrenze. Sterzo progressivo. Il nuovo sterzo progressivo è parte della dotazione di serie della Golf R, come già della Golf GTI. Questo sistema consente al guidatore di ottenere l’angolo di sterzata desiderato girando meno il volante. Risulta quindi ridotta la necessità di dover spostare le mani nelle curve strette. Con lo sterzo progressivo, per portare il volante fino a fine corsa sono sufficienti 2,1 giri (380°), mentre nello sterzo standard dei modelli Golf meno potenti ne servono 2,75 (500°). Infatti, gli sterzi convenzionali operano con rapporto di demoltiplicazione costante. Il nuovo sterzo della Golf R, invece, opera con un rapporto di demoltiplicazione progressivo che, in fase di manovra e parcheggio, regala maggiore agilità alla vettura. Viceversa, su strade extraurbane caratterizzate da numerosi tratti in curva e in fase di svolta, il guidatore percepisce un netto vantaggio in termini di dinamica di marcia derivante dal rapporto diretto. DCC. La nuova Golf R in Italia monta di serie la regolazione adattiva dell’assetto DCC di seconda generazione. Il sistema DCC dispone sempre delle tre modalità di marcia Comfort, Normal e Sport; ora però il profilo di guida può essere selezionato e visualizzato anche tramite il touchscreen sulla consolle centrale. La modalità Sport regala ancora maggiore dinamicità alla vettura. L’algoritmo di regolazione è stato rielaborato e perfezionato in modo tale che il sistema DCC regoli in modo adattivo le valvole degli ammortizzatori, modificandone la mappatura. A tal fine, il sistema DCC utilizza i segnali in ingresso forniti dai sensori ruota e di accelerazione oltre alle informazioni provenienti dai bus della vettura tramite il CAN telaio. In questo modo, per ogni situazione di marcia viene calcolato e regolato in modo adattivo lo smorzamento ottimale. Le forze smorzanti vengono poi impostate individualmente e in modo selettivo su tutte e quattro le ruote. Nella nuova generazione del sistema DCC è per la prima volta possibile variare in modo completamente indipendente lo smorzamento delle fasi di trazione e compressione anche nelle manovre dinamiche trasversali. Un notevole vantaggio per l’ottimizzazione della dinamica. Selezione del profilo di guida con modalità Race. Altra novità a bordo della Golf R è la selezione del profilo di guida, anch’essa di serie in abbinamento al sistema DCC. Sono disponibili complessivamente quattro opzioni, che diventano cinque in presenza del DCC: Eco, Normal, Individual, Race (appositamente studiata per la Golf R). Con il DCC è poi disponibile anche la modalità Comfort. Tutte le modalità sono state adattate in modo specifico alla Golf R. In modalità Race la taratura dell’assetto viene irrigidita (e così i movimenti della struttura vengono ulteriormente ridotti), mentre la prontezza di risposta del motore e la gestione delle cambiate (per la versione con DSG) sono stati studiati in modo da garantire una maggiore dinamicità. Nel profilo di guida Individual il guidatore può combinare in modo personalizzato le modalità di funzionamento di singoli componenti. Al contrario con il profilo di guida Eco, il funzionamento del motore, del climatizzatore e di ulteriori gruppi ausiliari, viene gestito nell’ottica del massimo contenimento dei consumi. Inoltre, sulla Golf R con cambio a doppia frizione DSG la modalità Eco prevede una funzione che sfrutta l’inerzia: se il guidatore solleva il piede dal pedale dell’acceleratore (per esempio avvicinandosi a un semaforo o percorrendo tratti in discesa) il DSG “stacca” la frizione e il motore gira al regime del minimo. Così l’energia cinetica della Golf R può essere sfruttata in modo ottimale. Freni. Anche i freni, già ottimi, della gamma Golf sono stati adeguati alle superiori prestazioni della nuova sportiva. La Volkswagen utilizza un impianto con 4 dischi autoventilanti. All’anteriore i pistoncini dei freni presentano un diametro di 60 mm, al posteriore di 42 mm. I dischi freno dell’asse anteriore hanno un diametro di 340 mm, quelli posteriori un diametro di 310 mm. Le pinze dei freni sono verniciate di nero e dotate di logo R. Esterni Design personalizzato. Con la nuova Golf R, viene riproposto un concept di successo a livello di design. Presentata per la prima volta sulla base della Golf IV, l’attuale Golf R promette performance straordinarie entrando in scena con classe e stile da vera protagonista. La R resta fedele al design tipico della Golf: “Anche la R, come la Golf, è una vettura straordinaria senza ostentazioni, quintessenza di eleganza e sportività, sobrietà e carattere”, dice Klaus Bischoff, Responsabile Design della marca Volkswagen. All’interno della gamma, la Golf R è un prodotto indipendente che vanta elementi di design esclusivi e ricercati dettagli di pregio. Il design è straordinariamente coerente e dà vita a un’autentica opera d’arte. I particolari non vengono percepiti come tali ma sottolineano l’armonia della vettura nel suo insieme. L’imponenza del frontale unito alle caratteristiche prese d’aria sono emblema della sportività senza compromessi della vettura. I due terminali di scarico cromati a doppia uscita conferiscono al posteriore un’impronta inconfondibile, senza precedenti nella storia della Golf. La Golf R è nei “pensieri” dei designer fin dai primi schizzi del modello. Per loro questa versione rappresenta infatti l’esercizio libero nello sviluppo del design della famiglia. Ciò che lo rende affascinante sono quelle sottili ma inconfondibili differenze rispetto alla versione di partenza. Frontale. Sono dettagli quali paraurti dal design rinnovato con prese d’aria particolarmente ampie, calandra del radiatore modificata (con logo R) e luci diurne integrate nell’alloggiamento dei fari bixeno a rendere immediatamente riconoscibile il frontale della Golf R. A livello di design, le luci diurne a LED formano al di sotto dei doppi proiettori una caratteristica doppia U. Fiancate. Le fiancate della Golf R sono caratterizzate in particolare dai nuovi cerchi in lega leggera da 18 pollici Cadiz con pneumatici 225/40, pinze dei freni nere con logo R, rivestimenti sottoporta in tinta con la carrozzeria in stile R, logo R sui parafanghi anteriori nonché gusci degli specchietti retrovisori esterni cromati opachi. La sportiva viene offerta, su richiesta, anche con cerchi in lega leggera da 19 pollici, per i quali la Volkswagen R GmbH propone anche il modello Cadiz e in esclusiva (solamente in versione 19 pollici) il Pretoria, un cerchio con tecnologia “flow forming” (particolarmente leggera e stabile) con un design degno del mondo delle corse. Parte posteriore. Il posteriore della nuova Golf R si distingue per dettagli quali gruppi ottici a LED con plastiche brunite e caratteristica striscia chiara al centro, diffusore con tipico design R, due terminali cromati a doppia uscita e logo R sul portellone. Otto colori carrozzeria. La gamma dei colori carrozzeria comprende 8 diverse tonalità. Esclusivamente e appositamente per la Golf R è stato creato un nuovo colore Lapiz Blue Metallic. In alternativa è possibile scegliere tra Pure White, Rosso Tornado, i metallizzati Night Blue, Limestone Grey, Argento Riflesso e i perlati Deep Black e Oryx White. Interni Sedili sportivi con rivestimenti in tessuto/Alcantara e pelle Carbon. Come per le tre precedenti versioni della Golf R, la Volkswagen R GmbH ha personalizzato e impreziosito notevolmente anche gli interni del nuovo modello. La più potente tra tutte le Golf è dotata di serie di sedili sportivi (anteriori), con fasce centrali rivestite in tessuto Race (colore Titanschwarz) con impunture nere. I fianchetti dei sedili sono invece in Alcantara (colore Kristallgrau) mentre per le relative parti esterne e gli appoggiatesta è stato scelto il tessuto Clip (colore Titanschwarz). Le cuciture decorative Kristallgrau creano un efficace contrasto con i rivestimenti scuri. Gli schienali dei sedili anteriori sono impreziositi dalla presenza del logo R. La Volkswagen offre su richiesta per la Golf R un pacchetto pelle nappa Carbon. Le superfici esterne, parte interna dei fianchetti e appoggiatesta sono sempre rivestiti in pelle nappa Carbon; le fasce centrali possono essere ordinate in nappa scura o chiara (ovvero Antracite o Modern Grey). Le cuciture decorative anche nel caso si scelgano rivestimenti in pelle, sono Kristallgrau. Rivestimento in pelle anche per il volante sportivo a tre razze con design R oltre ad un bel logo cromato R sulla razza inferiore. Anche in questo caso, tutti gli elementi in pelle sono impreziositi da cuciture decorative in contrasto Kristallgrau. Gli inserti decorativi della plancia e dei pannelli delle porte sono realizzati con motivo Carbon Touch, in corrispondenza degli inserti delle porte è integrata di serie un’illuminazione ambiente e anche i listelli battitacco sono illuminati (di colore blu). Pedaliera e poggiapiede vengono forniti di serie in look acciaio. Strumentazione con design R. Anche la strumentazione e il menu di attivazione del touchscreen sulla consolle centrale sono stati personalizzati per la Golf R. All’avviamento del motore, gli indicatori illuminati in azzurro del contagiri e del tachimetro raggiungono il fondo scala (nel caso del tachimetro i 320 km/h). Gli indicatori della strumentazione si illuminano inoltre automaticamente all’apertura delle porte. Il touchscreen dei sistemi radio o radio-navigazione (di serie in Italia c’è il sistema radio-navigazione Discover Media) mostra il logo R animato come schermata iniziale. Anche la chiave di accensione, o meglio la relativa custodia, è stata impreziosita con il logo R. Sistemi radio e di radio-navigazione. La Golf R è dotata di innovativi sistemi radio e di radio-navigazione, tutti con touchscreen. In Italia viene proposto di serie il sistema da 5,8 pollici con navigatore satellitare e display con sensore di prossimità: non appena un dito si avvicina al touchscreen, il sistema commuta automaticamente dalla modalità di visualizzazione a quella di comando. La modalità di visualizzazione si distingue per una rappresentazione delle informazioni visive limitata all’essenziale. In modalità di comando, al contrario, gli elementi attivabili tramite il touchscreen vengono evidenziati in modo particolare al fine di facilitare un impiego intuitivo. I display dispongono inoltre di una funzione con la quale, tramite semplici movimenti delle dita sullo schermo, è possibile far scorrere elenchi o sfogliare le cover CD nella mediateca. Car-Net. In combinazione con il sistema di radio-navigazione Discover Pro (optional) e l’interfaccia per telefono cellulare Premium, per la Golf R viene offerto anche il Car-Net. Questo nome riunisce servizi online mobili di nuova concezione. Grazie al Car-Net è possibile, per esempio, integrare le informazioni online sul traffico nella guida a destinazione dinamica e aggiungere POI (Point Of Interest) online alla navigazione. Google Street View mette inoltre a disposizione immagini panoramiche a 360 gradi (con prospettiva dalla strada) visualizzabili sul display. Inoltre è possibile richiamare una raffigurazione realistica della visualizzazione mappe sulla base del servizio cartografico Google Earth™ (Google Maps).