TOYOTA

Toyota annuncia la cessione in leasing di 150 PHV in Europa

Toyota annuncia la cessione in leasing di 150 PHV in Europa
Toyota annuncia la cessione in leasing di 150 PHV in Europa
Foto Toyota annuncia la cessione in leasing di 150 PHV in Europa »
Toyota Motor Europe (TME) cederà in leasing più di 150 Veicoli Ibridi Plug-In (PHV) a clienti ‘fleet’ europei precedentemente selezionati. Si tratta di un passo fondamentale in vista della commercializzazione. La Francia sarà il primo paese a partecipare a questo progetto pilota della durata di tre anni, e si sta concertando la partecipazione di Regno Unito, Germania ed Olanda. Basato sulla tecnologia completamente ibrida di Toyota, il nuovo PHV sarà equipaggiato con una batteria a ioni di litio, in grado di estendere il raggio d’azione del veicolo in modalità elettrica, per una guida silenziosa e priva di emissioni. I primi veicoli raggiungeranno la città di Strasburgo verso la fine del 2009.


‘In futuro, il PHV diventerà il completamento perfetto della Prius. Esso è capace di offrire una soluzione al rilascio di anidride carbonica per chi voglia percorrere distanze maggiori con il solo ausilio dell’elettricità, ma comunque intenzionati a godere dei tradizionali benefici di un veicolo completamente ibrido,’ sono le parole di Tadashi Arashima, Presidente e Chief Executive Officer di TME. ‘E’ il momento adatto per mettere alla prova il nostro nuovo PHV, e di dimostrarne le performance in mercati differenti ciascuno con i propri limiti di infrastrutture, le proprie condizioni di guida e le proprie aspettative,’ ha poi aggiunto.
Il PHV di Toyota riesce a superare quegli ostacoli che da sempre sono associati ai veicoli elettrici – come ad esempio l’elevato peso e i costi sostenuti della batteria, nonché l’autonomia limitata – nonostante l’ulteriore arricchimento della tecnologia ibrida Toyota. Nella nuova generazione di Prius, questi benefici includono emissioni di CO2 ai vertici della categoria, pari a soli 89 g/km, un’eccezionale efficienza dei consumi, un’accelerazione uniforme e una guida silenziosa.
Un PHV può servire da veicolo elettrico ai pendolari metropolitani, mentre per i viaggi più lungi e a velocità più sostenute esso agisce come un ibrido completo, con il suo motore benzina a fornire più potenza, ma in grado anche, quando necessario, di funzionare da generatore per la batteria. La batteria viene ricaricata durante la guida, la decelerazione e la frenata, oppure collegando la sua spina ad una presa elettrica standard a casa o in ufficio.
Grazie alla partnership con EDF, Toyota continua a testare su strada i PHV (equipaggiati con batteria Nickel Metal Hydride) in Europa già dal 2007. Circa 100 unità del nuovo PHV a ioni di litio saranno concesse in leasing a clienti ‘fleet’ selezionati e altri enti pubblici di Strasburgo, in Francia, per un periodo di tre anni.
Una parte dei veicoli che andranno a costituire i parchi macchine di Strasburgo saranno equipaggiati con un innovativo sistema di carica, in grado di assicurare una fase di carica in tutta sicurezza, la comunicazione tra la presa di corrente e il veicolo, l’identificazione del veicolo e l’addebito automatico del consumo di elettricità. Saranno inoltre installati numerosi punti di ricarica per il rifornimento elettrico presso le abitazioni degli utenti, le strutture dei partner, i parcheggi e le strade pubbliche.
Toyota impiegherà in tutto più di 500 nuovi PHV – anche in Europa, Giappone e Stati Uniti – entro il 2010.


Toyota Motor Europe NV/SA (TME) sovrintende le vendite e il marketing dei veicoli, ricambi e accessori Toyota e Lexus, e la produzione e le operazioni di engineering Europee di Toyota. Toyota impiega, direttamente e indirettamente, circa 80,000 persone in Europa e ha investito più di 7 miliardi di Euro dal 1990. Le operazioni Toyota in Europa sono sostenute da un network di 31 Società Nazionali di Marketing e Vendite in 56 paesi, con un totale di circa 3.000 punti vendita e nove impianti di produzione. Nel 2008 Toyota ha venduto in Europa più di 1.1 milioni di veicoli Toyota e Lexus. Per maggiori informazioni visitare il sito internet www.toyota.eu.

Roma, 22 maggio 2009