Renault partner di Mobiltytech
Renault partner di Mobiltytech
Foto Renault partner di Mobiltytech »
Alla quinta edizione di Mobilitytech, forum internazionale sullo sviluppo della mobilità, che si svolge a Milano il 18 e 19 ottobre, Renault, main sponsor dell’iniziativa, parla del proprio progetto di lancio di una gamma completa di veicoli elettrici a partire dal 2011 e si conferma protagonista di un orientamento verso una mobilità più sostenibile ed eco-compatibile.
A segnare l’inizio dell’evento, un corteo di veicoli a basso impatto ambientale guidato dal Renault Kangoo Express Z.E. con a bordo Jacques Bousquet, Presidente di Renault Italia e Letizia Moratti, Sindaco di Milano. La collaborazione tra Renault e il Comune di Milano trova concreta espressione nel progetto pilota “E-Moving”, sviluppato in partnership con l’utility A2A.

Mobilitytech, Forum internazionale sull’innovazione tecnologica per lo sviluppo della mobilità e del trasporto, giunto alla sua quinta edizione, vede quest’anno Renault presente all’evento in qualità di main sponsor. L’iniziativa, promossa dal Comune di Milano, dalla Commissione Europea, dal Ministero dell’Ambiente, da ATM e dal Comitato Expo 2015, si svolge il 18 e 19 ottobre a Milano presso il Palazzo Giureconsulti in piazza dei Mercanti, e si configura come un’importante occasione di dibattito fra istituzioni ed imprese sulle politiche e sulle tecnologie più opportune per accompagnare il paese verso una mobilità più eco-compatibile.

Con la sua presenza al Mobilitytech, Renault punta i riflettori sulla propria visione di mobilità del prossimo futuro, lo sviluppo dei veicoli elettrici, la soluzione più efficace e sostenibile per l’ambiente con zero emissioni* inquinanti ed acustiche. Renault si conferma il costruttore automobilistico che, primo tra i grandi produttori, ha avviato un programma industriale orientato allo sviluppo e alla commercializzazione di massa dell’auto elettrica, mettendo in campo investimenti per 4 miliardi di euro. Cuore del programma, l’introduzione sul mercato fra il 2011 e il 2012 di una gamma completa di 4 veicoli elettrici, dotati di batterie agli ioni di litio, adatti a rispondere alle più diversificate esigenze di utilizzo privato e professionale: l’innovativa urban car Twizy, la berlina compatta e versatile Zoe, la berlina familiare raffinata Fluence Z.E. e la furgonetta commerciale Kangoo Express Z.E. ideale per il trasporto merci in città.

Parallelamente, Renault sta lavorando su 3 complementari modalità di ricarica per rendere l’operazione per il cliente pratica e funzionale: la ricarica standard presso il proprio domicilio o ad una colonnina di ricarica pubblica in un tempo tra 6 e 8 ore (3,5 per Twizy) a seconda della potenza disponibile e del tipo di veicolo, la ricarica rapida in 30 minuti su una delle colonnine di ricarica specifiche installate sul suolo pubblico, e il sistema Quickdrop in soli 3 minuti in apposite stazioni automatiche di sostituzione della batteria.

Quello su cui Renault si sta impegnando è un nuovo paradigma di mobilità urbana sostenibile: rendere l’auto elettrica una soluzione disponibile, conveniente ed allettante per il più ampio numero possibile di automobilisti. Un concetto di auto elettrica, destinata a una larga diffusione sul mercato. In questa prospettiva, Renault proporrà i veicoli elettrici a prezzi accessibili e introdurrà innovative formule di noleggio della batteria.

Renault poggia il proprio obiettivo di sviluppo di massa della mobilità elettrica a zero emissioni sulla collaborazione con governi, amministrazioni locali e società energetiche, che hanno tutti un ruolo determinante nel creare le condizioni strutturali, economiche ed operative di sviluppo dei veicoli elettrici. Renault ha già siglato, nell’ambito dell’Alleanza con Nissan, più di 70 accordi, e di ulteriori se ne aggiungono progressivamente e costantemente in tutto il mondo.

Anche in Italia, Renault è impegnata nello studio di partnership con le principali amministrazioni comunali e compagnie elettriche, nella prospettiva di realizzare progetti congiunti per la mobilità a zero emissioni, promuovere i veicoli elettrici e sviluppare le idonee infrastrutture. Renault è oggi l’unico gruppo automobilistico ad aver siglato accordi in tale ambito con i due principali operatori energetici in Italia.

Un protocollo d’intesa è stato siglato nei mesi scorsi tra Renault ed Enel, per lo sviluppo congiunto di soluzioni integrate per la mobilità elettrica nei più diversi ambiti di applicazione: compatibilità tecnica tra l’infrastruttura di ricarica e i veicoli elettrici, offerte integrate di prodotti e servizi, analisi delle diverse tecnologie di ricarica e dei servizi associati all’infrastruttura di ricarica, studio del ciclo completo di vita della batteria e del suo eventuale impiego come sistema di accumulo di energia, sviluppo di progetti pilota in Italia in aree in corso di identificazione.

Un accordo è stato siglato da Renault anche con A2A, multiutility leader nella distribuzione dell’elettricità in Lombardia. L’accordo prevede la realizzazione di un progetto pilota (progetto E-MOVING) fra il secondo semestre 2010 e il primo semestre 2011 nelle città di Milano e Brescia. Una flotta di 60 veicoli Renault Z.E. (Kangoo Express Z.E. e Fluence Z.E.) sarà messa a disposizione di clienti privati e società pubbliche e private e un’infrastruttura di 270 punti di ricarica sarà implementata nelle due città. L’obiettivo è di testare le diverse componenti del modello operativo di mobilità elettrica elaborato in partnership da Renault e da A2A: tecnologia e dislocazione dell’infrastruttura di ricarica, processi e soluzioni commerciali connessi alla vendita o leasing dei veicoli elettrici, interazione fra la rete di ricarica e i veicoli stessi, fornitura di energia elettrica per l’alimentazione dei veicoli e sistemi di fatturazione ad essa collegata, manutenzione.

Renault ha, inoltre, accolto positivamente la recente presentazione da parte dell’on. Agostino Griglia di una proposta di legge in favore dello sviluppo della mobilità a zero emissioni, un positivo passo verso un piano di sviluppo strutturato della mobilità elettrica Italia, sulla stregua delle politiche dei principali paesi europei.