Mercedes Benz SLS AMG
Mercedes Benz SLS AMG Mercedes Benz SLS AMG Mercedes Benz SLS AMG Mercedes Benz SLS AMG
Foto Mercedes Benz SLS AMG »
Carrozzeria spaceframe in alluminio per una perfetta sintesi di leggerezza e rigidità

Per la nuova SLS è stato adottato un approccio innovativo nella progettazione della carrozzeria. Per la prima volta Mercedes-Benz ed AMG presentano una vettura in cui telaio e carrozzeria sono completamente realizzati in alluminio. Questa soluzione, rispetto alla tradizionale struttura in acciaio, garantisce un significativo risparmio di peso, come appare evidente dal previsto peso a vuoto DIN di 1.620 chilogrammi.

La scocca totalmente nuova è uno spaceframe in alluminio, la cui esclusiva struttura coniuga una costruzione leggera intelligente con la massima robustezza, consentendo così una dinamica di marcia senza compromessi. I leggeri profili in alluminio garantiscono la massima stabilità strutturale. L'ampia sezione trasversale ed il baricentro basso dei bracci in alluminio garantiscono ottime caratteristiche di resistenza, consentendo la trasmissione diretta della potenza, della frenata e delle forze provenienti dal telaio. Le vibrazioni causate dalle asperità stradali vengono attutite dalla struttura. La reazione è rigida e diretta, quasi priva di torsione.
Lo spaceframe, ottimizzato in termini di peso, è costituito da profili (45%) e pannelli (31%) di alluminio, abbinati ad un 20% di alluminio pressofuso ed un 4% di acciaio. Per garantire la massima protezione per gli occupanti, i montanti anteriori sono stati realizzati in acciaio ad alta resistenza laminato a caldo. Con un peso a vuoto pari a 241 chilogrammi ed una potenza massima di 420 kW/571 CV, SLS AMG si conferma il modello di punta nel segmento delle supersportive.

Baricentro ribassato e bracci trasversali valorizzano la perfetta dinamicità del modello
La progettazione della vettura nel suo insieme è stata volta ad abbassarne il più possibile il baricentro. Ciò ha comportato un collegamento più basso tra il propulsore e gli assali nonché un alloggiamento dei componenti della scocca ulteriormente ribassato per una maggiore rigidità. In quest'ottica sono stati realizzati i collegamenti tra le sezioni anteriore e posteriore della vettura e la cellula di sicurezza, resistenti alla flessione ed alla torsione. Tali collegamenti sono stati progettati per ridurre al minimo la propagazione della forza d'urto. Il risultato è non solo un abbassamento del baricentro ma anche un trasferimento armonico ed efficiente delle forze nella struttura della vettura.
Un'altra caratteristica distintiva di questa struttura leggera è la presenza di bracci trasversali integrati nella struttura della scocca, in corrispondenza degli assali anteriore e posteriore. I profili collegano gli elementi laterali esattamente nei punti in cui le forze più elevate agiscono sulla scocca, ad esempio quando si affronta una curva a velocità sostenuta. I vantaggi di questa sofisticata soluzione risiedono nell'eccezionale grado di rigidità trasversale ottenuto senza bisogno di ricorrere a ulteriori elementi di rinforzo.
Sicurezza passiva ai massimi livelli
Lo spaceframe in alluminio costituisce l'elemento di base per garantire un eccellente grado di sicurezza passiva. La completa gamma di dotazioni di serie comprende cinture di sicurezza a tre punti con pretensionatori e limitatori di forza e fino a otto airbag: airbag adattativi per guidatore e passeggero, un airbag ciascuno per le ginocchia, due airbag laterali integrati nel sedile e due airbag separati a finestrino, che dipartono dalle linee di cintura delle porte.
V8 AMG da 6,3 litri ulteriormente perfezionato con 420 kW/571 CV

Il cuore della nuova SLS è il potente propulsore ad otto cilindri realizzato da Mercedes-AMG. Il V8 AMG da 6,3 litri eroga una potenza massima di 420 kW/571 CV a 6.800 giri/min, rendendo la SLS "Ali di gabbiano" una delle sportive più potenti del segmento. Grazie anche alla struttura leggera della vettura, si è riusciti ad ottenere un rapporto peso-potenza di 2,84 kg/CV. La coppia massima di 650 Nm viene raggiunta dall’otto cilindri aspirato a 4.750 giri. La nuova "Ali di gabbiano" accelera da 0 a 100 km/h in 3,8 secondi, raggiungendo una velocità massima limitata elettronicamente di 317 km/h (tutti i dati sono provvisori). Denominato internamente M159, questo V8 configurato per alti regimi con una cilindrata di 6.208 cc è stato completamente rielaborato rispetto al propulsore M156 da cui deriva e vanta tutte le caratteristiche dei potenti motori per vetture da competizione.

Le principali misure adottate per incrementare la potenza sono la completa riprogettazione dell'impianto di aspirazione, la rielaborazione del comando valvole e degli alberi a camme, l'utilizzo di collettori in acciaio tubolari con flusso ottimizzato e l'eliminazione dello strozzamento dell'impianto di scarico. In questo modo è stato possibile ottimizzare il riempimento dei cilindri che determina un incremento della potenza pari a circa il 9%. L'otto cilindri reagisce senza incertezza ai movimenti del pedale dell'acceleratore, dimostrando una ripresa ancora più incisiva su tutta la gamma di regimi. Optando per la lubrificazione a carter secco si è riusciti ad ottenere una posizione di alloggiamento del motore ulteriormente ribassata. Il conseguente abbassamento del baricentro permette elevate accelerazioni trasversali e quindi un'entusiasmante dinamica di marcia.

Perfetta sintesi di leggerezza e stabilità strutturale
L'utilizzo di componenti ad alta resistenza compensa il maggiore carico sul motore derivante dall'incremento della potenza. Pistoni forgiati, supporti dell'albero motore rinforzati, ottimizzazione della struttura del basamento ed una migliore lubrificazione, ottenuta attraverso una pompa ad alte prestazioni regolata secondo il fabbisogno, assicurano una stabilità ottimale. Nonostante le maggiori sollecitazioni, il peso del motore M159 è stato ulteriormente ridotto. I pistoni forgiati, come masse oscillanti, giocano un ruolo particolarmente importante sotto questo aspetto. Grazie a questi accorgimenti è stato possibile alleggerire ulteriormente il motore, ottenendo un peso a vuoto di 205 chilogrammi e quindi un rapporto peso-potenza di 0,36 kg/CV: il miglior valore assoluto sul panorama concorrenziale. Le sofisticate tecnologie dei catalizzatori permettono di rispettare gli attuali e futuri limiti di emissione come EU 5, LEV 2 ed ULEV.

Un ambizioso obiettivo AMG: ridurre i consumi di carburante

A dispetto della sua notevole sportività, la vettura vanta consumi di carburante estremamente interessanti. Il consumo di 13,2 litri di carburante per 100 km (ciclo combinato; dato provvisorio) colloca SLS AMG in una posizione di eccellenza nel segmento. Per migliorare l'efficienza si è fatto ricorso all'utilizzo mirato di numerosi accorgimenti, tra i quali, ad esempio, camicie dei cilindri rivestite in LDS a basso attrito sviluppato da AMG, la lubrificazione ottimizzata in base all’effettiva necessità e la gestione regolata dell'alternatore. Durante la marcia in folle e ad ogni azionamento dell'impianto frenante, l'energia cinetica viene sfruttata per caricare la batteria anziché disperdersi sotto forma di calore, come avviene nei motori convenzionali. Al contrario, durante l'accelerazione il generatore si attiva automaticamente, senza sovraccaricare il motore.

Cambio a doppia frizione con configurazione a transaxle e "torque tube"
Il V8 AMG da 6,3 litri trasmette la sua notevole potenza all'asse posteriore attraverso un albero motore ultraleggero in fibra di carbonio, simile a quello della Classe C DTM. Il cambio è alloggiato sul retrotreno (principio a transaxle) ed è collegato al basamento del motore per mezzo di un "torque tube". Si tratta di un particolare sistema (dall'inglese "torque" = coppia, "tube" = tubo), in cui un albero di carbonio ruota allo stesso numero di giri del motore. I vantaggi di questa sofisticata soluzione risiedono nel collegamento rigido tra motore e cambio e quindi nel supporto ottimale delle forze e dei momenti generati.
Alla trasmissione della potenza provvede il nuovo cambio AMG SPEEDSHIFT DCT a doppia frizione con sette rapporti che si contraddistingue per processi di innesto veloci, senza interruzioni della forza di trazione — con tempi di innesto minimi pari a 100 millisecondi. Il guidatore ha a disposizione quattro diversi programmi di marcia: "C" (Efficienza Controllata), "S" (Sport), "S+" (Sport plus) o "M" (Manuale) oltre alla funzione RACE START. Quando vengono azionati i programmi di marcia Sport, Sport plus e Manuale si attiva la funzione di doppietta automatica; tutti i programmi possono essere comodamente gestiti mediante il selettore presente nella AMG DRIVE UNIT. A garantire una trazione ottimale provvede il bloccaggio meccanico del differenziale, integrato nella compatta scatola del cambio.
Sofisticato telaio con sospensioni con doppi bracci trasversali

La soluzione scelta del motore frontale-centrale con configurazione a transaxle assicura una ripartizione ideale del peso tra avantreno e retrotreno con un rapporto di 47 : 53 percento. Grazie alla posizione di alloggiamento del motore dietro l'asse anteriore è stato possibile creare i migliori presupposti per una perfetta dinamica di marcia con un comportamento sterzante preciso, agilità di prima classe, bassa inerzia con cambi di direzione spontanei ed un'eccellente trazione. L'obiettivo di Mercedes-Benz e AMG — costruire la una supersportiva perfetta che coniughi impeccabili prestazioni da competizione e il comfort sulle lunghe percorrenze tipico del marchio Mercedes — ha portato all'elaborazione di questo sofisticato telaio. La guida delle quattro ruote è affidata a doppi bracci e tiranti trasversali, una soluzione già sperimentata sulle vetture da competizione e anche in Formula 1. In una sospensione a doppi bracci trasversali, la ruota e la sospensione sono distinte l'una dall'altra e i puntoni molla/ammortizzatore sono applicati all'elemento trasversale inferiore. Grazie alle sue eccezionali caratteristiche di resistenza e stabilità di marcia, la sospensione a doppi bracci trasversali controlla in maniera perfetta la ruota riducendo al massimo le vibrazioni e assicurando un'aderenza ottimale, anche nelle condizioni di guida più impegnative.

I bracci trasversali, i giunti e portamozzi degli assi anteriore e posteriore sono completamente forgiati in alluminio, la cui leggerezza contribuisce notevolmente alla riduzione delle masse non sospese aumentando allo stesso tempo il comfort di guida. Il passo è allungato e raggiunge i 2.680 millimetri. Ciò ha consentito di ottenere una ripartizione del carico più favorevole, assicurando una migliore stabilità di marcia, grazie alla minore tendenza al rollio della carrozzeria in fase di accelerazione e frenata. L'ampia carreggiata (anteriore: 1.682 millimetri e posteriore: 1.653 millimetri) garantisce una ripartizione del carico ottimale tra una ruota e l'altra, ottimizzando l'aderenza degli pneumatici in curva. Il notevole aumento dell'inclinazione in curva, reso possibile da un angolo di incidenza di 11,5 gradi, e l'aderenza ottimizzata degli pneumatici garantiscono una stabilità superiore in fase di frenata in curva.
Sterzo diretto, bloccaggio del differenziale e ESP®a tre stadi

Grazie al rapporto di trasmissione costante di 13,6 : 1, lo sterzo a pignone e cremagliera risulta estremamente diretto, soddisfacendo pienamente le aspettative degli amanti della guida sportiva. Lo sterzo parametrico opera in funzione delle caratteristiche di accelerazione, assicurando così una risposta più spontanea del motore all'aumento della velocità: un elemento di fondamentale importanza durante la marcia in rettilineo a velocità sostenuta. Il montaggio dello sterzo davanti al motore, su un supporto a telaio integrale, consente alloggiare quest'ultimo in posizione decisamente ribassata. SLS AMG "Ali di gabbiano" è dotata di ESP® a tre stadi che mette a disposizione del guidatore, semplicemente premendo un tasto, le tre modalità "ESP ON", "ESP SPORT" e "ESP OFF". Anche in modalità "ESP OFF" il semplice azionamento del pedale del freno permette di attivare le funzioni dell'ESP.

Il sistema di controllo della trazione del sistema antislittamento ASR è attivo in tutte e tre le modalità ESP. Nel caso una ruota motrice inizi a perdere aderenza, l'attivazione mirata dell'impianto frenante permette di migliorare notevolmente la trazione, sfruttando in particolare il differenziale autobloccante LSD meccanico a dischi, presente tra le dotazioni di serie. Se si adotta uno stile di guida sportivo, ciò consente di trasferire in modo più efficiente la potenza erogata dal motore al fondo stradale.



Freni compositi in ceramica, innovativi cerchi "flow forming"
L'impianto frenante AMG in materiale composito ad elevate prestazioni garantisce brevissimi spazi di arresto anche in caso di sollecitazioni estreme. A garantire prestazioni frenanti ancora più elevate provvede l'impianto frenante composito in ceramica di nuova concezione, disponibile a richiesta, con dischi dei freni ulteriormente maggiorati. I dischi dei freni in ceramica, grazie al loro maggiore grado di indurimento, sono affidabili anche alle temperature di esercizio più elevate ed al tempo stesso sorprendono per il peso ridotto di circa il 40%. Come risulta evidente nella guida su tratti ricchi di curve ad alta velocità, la riduzione del peso delle masse non sospese ha permesso di ottimizzare l'handling della "Ali di gabbiano".

La costruzione leggera è stata al centro dell'attenzione anche per le ruote: i cerchi in lega AMG da 9,5 x 19" sull'anteriore e 11,0 x 20" sul posteriore, ottimizzati nel peso e basati sull'innovativo principio del "flow forming", riducono le masse non sospese migliorando le prestazioni ed il comfort. Oltre ai cerchi in lega AMG di serie con design a sette razze, sono disponibili come optional anche i cerchi a cinque razze doppie o in alluminio forgiato con design a dieci razze opzionali. Gli pneumatici da 265/35 R 19 (anteriori) e 295/30 R 20 (posteriori), sviluppati in esclusiva per SLS AMG, assicurano prestazioni eccellenti. Le dotazioni di serie comprendono il sistema di monitoraggio pressione pneumatici che controlla costantemente la pressione delle quattro ruote, visualizzando i dati registrati per ciascun pneumatico.

La reinterpretazione della leggendaria "Ali di gabbiano" farà il suo debutto sul mercato nella primavera 2010