Il Team Spea al GP del Giappone TWC
Il Team Spea al GP del Giappone TWC Il Team Spea al GP del Giappone TWC
Foto Il Team Spea al GP del Giappone TWC »
Giunto alla sua decima edizione il GP del Giappone si è nuovamente svolto a Motegi, nelle aree del  circuito Twin Ring,  articolato sulle consuete   due giornate di gara.  La pioggia caduta copiosa nella notte di venerdì ha reso difficili ed insidiose le zone tracciate  nei boschi che circondano il circuito. Al termine della prima giornata di gara la classifica della Junior vede il pilota del Team Spea,  Simone Staltari al decimo posto e dolorante in seguito di una brutta caduta alla zona 14 ma fiducioso sulle possibilità di recupero il giorno successivo.      Come da previsioni domenica  torna il sole e sulle zone  asciutte il pilota del Team Spea,  Simone Staltari  tenta di migliorare il risultato del giorno precedente ma il riacutizzarsi del dolore alla spalla gli impedisce di guidare al meglio costringendolo a cedere il nono posto per la discriminante degli zeri a Francesc Moret dello Spea Tarres Trial Team.  
“Non sono soddisfatto  delle mie prestazioni - è il primo commento del pilota del Team Spea al rientro in Italia -  sicuramente avrei potuto fare meglio! Purtroppo ho patito la trasferta e nonostante  fossimo arrivati  qualche giorno prima per abituarci al diverso fuso orario, non sono mai riuscito a sentirmi a mio agio. Le zone di gara non erano particolarmente difficili ma piuttosto  contorte e viscide, soprattutto dopo la pioggia di venerdì notte.

Domenica con il sole le zone sono migliorate  ma il dolore alla spalla mi ha impedito di sfruttare al meglio questa opportunità così mi sono trovato  a lottare per il nono posto, perso poi agli zeri. Sono veramente amareggiato perché un risultato migliore era alla mia portata e sarebbe stato il miglior ringraziamento  per il Team Maglia Azzurra che mi supporta nelle trasferte internazionali, per Claudio Favro e tutto il Team Spea che mi seguono e supportano nella mia crescita di pilota. Un ringraziamento particolare a Gas Gas Spagna che  tramite Suske, l’Importatore per il Giappone, mi ha messo  a disposizione  una Gas Gas 300 nuova fiammante che ho potuto personalizzare montando i componenti  preparati dal reparto corse di F&G, che uso abitualmente in gara. 
Il calendario incalza  e il risultato di questo mondiale sarà un ulteriore stimolo  a migliorarsi in vista della seconda prova di Hard Trial in programma domenica prossima e della  prova  mondiale di Barzio  la domenica successiva.”