Citroen DS3 WRC
Foto Citroen DS3 WRC »
Il team Citroën Racing, da sempre impegnato nelle prove su strada più prestigiose, alza il sipario su DS3
WRC che dal 2011 parteciperà al Campionato del Mondo Rally. CITROËN DS3 WRC risponde ai criteri del
nuovo regolamento emesso dalla Federazione Internazione dell'Automobile (FIA) ed è un vero
concentrato di Créative Technologie.
La linea compatta, dinamica e aggressiva di questo ‘piccolo bolide’ tradisce al primo sguardo la
voglia di vincere: parafanghi allargati, paraurti ridisegnati e appendici aerodinamiche. Il telaio di serie è
stato profondamente modificato per adattare la trasmissione a quattro ruote motrici e alle sospensioni
McPherson. Il roll cage irrigidisce la vettura e protegge l’equipaggio.
Rispetto alla generazione precedente di World Rally Cars, il regolamento 2011 prevede parecchie novità
per il motore. La motorizzazione di CITROËN DS3 WRC, inedita per questo settore sportivo, è a 4
cilindri turbo a iniezione diretta da 1600 cm3. Per il consumo di carburante l'utilizzo dell'iniezione
diretta apre nuove prospettive nello sviluppo dei motori da competizione. Questo motore, concepito
e fabbricato totalmente da Citroën Racing, sviluppa 300 cv di potenza.
Il cambio sequenziale sei rapporti, omologato e fornito da Sadev, è abbinato a differenziali meccanici
anteriori e posteriori. Il comando semiautomatico e il differenziale centrale non sono più consentiti. Per il
controllo del budget la FIA ha anche definito le caratteristiche di dimensione, peso, prezzo dei principali
componenti della vettura. Pur tenendo conto di queste limitazioni, i tecnici di Citroën Racing e di Sadev
hanno cercato performance e affidabilità in ogni dettaglio.
CITROËN DS3 WRC, che i piloti giudicano già dai primi test equilibrata e maneggevole è destinata ad
aggiungere titoli e vittorie al palmarès di Xsara e C4 WRC.

CARROZZERIA E TELAIO DALLA LINEA COMPATTA E AGGRESSIVA
La carrozzeria di CITROËN DS3 WRC, ottimizzata nella galleria del vento, esaspera le curve del modello
originale. Per arrivare alla larghezza massima autorizzata di 1820 mm e per montare ruote da 18
pollici per asfalto, passaruota e paraurti sono stati maggiorati. L'aerodinamica è potenziata dall'inserto
sul paraurti anteriore e dallo spoiler posteriore sul portellone. Le porte modificate hanno vetri fissi
in policarbonato e sono rinforzate con schiuma poliuretanica per assorbire gli urti laterali.
Il telaio di DS3 WRC, costruito partendo dalla scocca di serie, integra una roll cage composta da
oltre 40 metri di tubo d'acciaio, con notevoli modifiche strutturali nella parte inferiore:
- punti di fissaggio superiori aggiuntivi per la sospensione posteriore McPherson;
- punti di fissaggio delle sospensioni inferiori ottimizzati;
- inserimento del tunnel di trasmissione e del differenziale posteriore;
- rinforzi laterali supplementari nel sottoscocca.
Per DS3, più compatta rispetto a C4 WRC, i tecnici di Citroën Racing hanno ottimizzato la posizione di
ogni componente, per arrivare al miglior compromesso tra inerzia e gravità.
ASSETTO: LA RICERCA DELL'EFFICIENZA
Per l'assetto il regolamento prevede solo qualche leggero ritocco rispetto alla precedente
generazione di World Rally Cars; le soluzioni sono state applicate grazie all'esperienza acquisita dal centro studi su C4 WRC.
Le sospensioni anteriore e posteriore sono di tipo McPherson, con posizione ottimizzata dei punti di fissaggio.
Per limitare i costi di sviluppo e produzione è possibile omologare un solo tipo di pivot. DS3 WRC usa
un componente identico per la parte anteriore e posteriore, sia su terra che su asfalto. Il giunto di
collegamento con il supporto è diverso secondo le versioni. Come per C4 WRC, gli ammortizzatori
regolabili a quattro vie (compressione ed espansione, bassa e alta velocità) sono concepiti e prodotti da
Citroën Racing.
Per rispettare il regolamento 2011, i dischi dei freni da 355 mm (asfalto) e 300 mm (terra), leggermente
più piccoli che su C4 WRC, sono tenuti da pinze a quattro pistoni. Un sistema di raffreddamento ad acqua
migliora l'efficienza su asfalto.
MOTORE: LA RIVOLUZIONE DELL'INIEZIONE DIRETTA
Per la prima volta nella sua storia Citroën Racing progetta tutti i componenti dei suoi motori,
compreso il blocco cilindri e la testata. I quattro cilindri da 1600 cm3, vera opera d'arte, soddisfano i requisiti del regolamento, che impone un peso minimo e la posizione del centro di gravità.
Ma la principale rivoluzione avviene nella testata a sedici valvole. L'iniezione diretta, ora obbligatoria nel WRC, rappresenta una sfida per i motoristi di Citroën Racing. Il carburante viene miscelato con l'aria solo al momento dell'iniezione nella camera di combustione. La messa a punto di questo dispositivo è ancora più complessa se associata a una sovralimentazione mediante turbocompressore!
La riduzione della cilindrata provoca una leggera riduzione della potenza rispetto ai motori due litri turbo
attuali, compensata dall'iniezione diretta. La coppia è praticamente dimezzata. La definizione del motore è omologata per tre anni. La sua applicazione sarà estesa progressivamente a sei rally, la metà di
una stagione nel Campionato del Mondo.
TRASMISSIONI:
QUATTRO RUOTE MOTRICI PER TUTTI I TERRENI
Le speciali ghiacciate della Svezia, i percorsi impervi della Grecia, l'asfalto catalano: DS3 WRC dovrà
affrontare terreni variati e impegnativi. Anche senza assistenza elettronica, la trasmissione a quattro
ruote motrici è progettata per la massima performance in tutte le situazioni.
Il regolamento 2011 impone ai costruttori la scelta di un fornitore che soddisfi i requisiti tecnici
stabiliti dalla FIA, con peso e prezzo di ogni elemento già fissato. Citroën Racing ha concluso un
accordo di partnership tecnica con la società francese Sadev.
Il cambio sequenziale sei rapporti e il differenziale anteriore sono inseriti in un carter in alluminio. Un
albero di trasmissione longitudinale collega con il differenziale posteriore. Il differenziale centrale non è più consentito, ma un sistema permette di scollegare le ruote posteriori quando si usa il freno a mano idraulico.
Anche il comando semiautomatico con paletta al volante è sostituito da un comando a leva totalmente
meccanico.
Come per il motore, aumenta la durata di applicazione del cambio. Dal 2011 un regolamento sportivo
impone, una volta nella stagione, di usare due insiemi cambio/ponte posteriore su tre rally.

IN DETTAGLIO…
ELETTRONICA IMBARCATA
L'elettronica imbarcata di DS3 WRC deriva direttamente dall'esperienza acquisita su C4 WRC. Il fascio
elettrico multiplexato, le centraline di potenza e tutti gli organi di comando sono progettati da Citroën
Racing. Il codice sorgente del software interno è depositato presso la FIA, che può procedere anche
all'acquisizione di dati di motore e telaio.
SICUREZZA
Con la consapevolezza che la sicurezza può essere sempre migliorata, i tecnici di Citroën Racing hanno
cercato di migliorare la protezione e il confort degli equipaggi al di là dei dettami del regolamento,
studiando dei propri sedili avvolgenti.
ERGONOMIA
La sagoma compatta di DS3 WRC permette ai piloti un'eccellente visuale della strada. Il display LCD a colori, situato dietro al volante, mostra le principali informazioni (regime, rapporto inserito). Le leve del cambio e del freno a mano sono situate molto vicino al volante, posizione che ha richiesto un lungo studio. Il copilota, dalla seduta abbassata per ottimizzare il centro di gravità, dispone del proprio display fissato sul tunnel di trasmissione.
SVILUPPO: IL ’PICCOLO BOLIDE’ IN AZIONE!
I punti principali del regolamento 2011 sono stati fissati nell'autunno 2009, periodo in cui è stata
avviata la progettazione di DS3 WRC. Alla fine dell'anno viene costruita una vettura da laboratorio, con il
motore di C4 WRC senza ‘booster’, per permettere ai tecnici di lavorare sulla trasmissione senza
differenziale centrale. I test, su terra e asfalto, sono proseguiti nel primo semestre 2010.
Dopo i test su banco prova da aprile 2010, il motore 1.6 turbo a iniezione diretta è montato sulla prima
DS3 WRC. Il 23 luglio, sul circuito di Satory, vicino alla fabbrica Citroën Racing di Versailles, viene
"varata" la prima DS3 WRC completa.
Philippe Bugalski, Sébastien Loeb, Dani Sordo e Sébastien Ogier partecipano costantemente allo sviluppo
di DS3 WRC. La maggiore durata dei componenti (fino a sei rally per un motore) impone lunghi test di
endurance, alle condizioni più difficili.
DS3 WRC debutterà ufficialmente nel Rally di Svezia (10-13 febbraio) prima manche del
Campionato del Mondo Rally FIA 2011.